Autunno: affrontarlo nel modo giusto - Rush Pharma

Autunno: affrontarlo nel modo giusto

Ottobre è alle spalle, le vacanze estive sono lontane, ci stiamo inoltrando sempre di più nel cuore dell’ autunno, che ormai ardito si mostra a noi.

Autunno

Autunno: i migliori rimedi naturali per affrontarlo nel modo giusto

Un autunno fatto di tramonti rossi all’orizzonte cittadino, passeggiate nei parchi fra il fogliame disteso sui prati, che porta con sé quella malinconia tipica del bel periodo appena passato, come un amore estivo che se ne è andato lasciando ancora il sapore di sale sulle labbra e la luce negli occhi di lei. Cominciano così le giornate uggiose e brevi, sentiamo dalla finestra dei nostri uffici i ragazzini schiamazzare con gli zaini sulle spalle e le ragazze che civettano di fronte agli impacciati corteggiamenti dei maschi. La Vita ha ripreso, non ha mai smesso il suo vivere. I mesi autunnali sono tutto questo, un ricominciare da un punto che si era lasciato prima delle ferie estive. L’autunno è il periodo dei sospiri, è il periodo in cui si immagazzina solo lo stretto necessario, si analizzano le idee portando un raccoglimento interiore. Si sublima la coscienza.

Check-up d’ autunno: teniamo d’occhio pelle, polmoni e intestino

È proprio in questo periodo che dobbiamo prestare una maggiore attenzione alla condizione dei nostri polmoni, della nostra pelle e del nostro colon e, nel caso in cui siano presenti degli squilibri (anche energetici), potremo certamente trovare il giusto sollievo in rimedi naturali appropriati.

Autunno2
Per la M.T.C. l’ autunno è la stagione della Loggia Metallo (vedi immagine). I sentimenti e le emozioni propri di questa loggia sono tutti quelli che portano all’introspezione, a un inizio di chiusura verso se stessi, preparando così il corpo e la mente all’inverno, la Loggia Acqua.

L’organo corrispondente alla Loggia Metallo è il polmone e il viscere associato è l’intestino crasso (comprende l’intestino cieco e il colon). Polmone e intestino crasso hanno in comune caratteristiche di raccolta, condensazione e gestione dei liquidi e delle impurità, in più regolano umidificazione e secchezza del corpo. Il polmone raccoglie aria e Qi e li distribuisce in tutto il corpo, regolando il movimento dei liquidi corporei verso l’alto (i reni verso il basso) ed elimina le impurità attraverso la pelle e la respirazione. L’intestino crasso, invece, raccoglie ed elimina le scorie.

Quando abbiamo l’intestino in disordine, ad esempio a causa di un eccessivo calore (mancanza di umidità) o, al contrario, di una mancanza di calore e di vento (eccesso di umidità), la nostra pelle lo comunica attraverso disturbi e problematiche varie. Naturalmente, è necessario comprendere se tali problematiche sono legate a un eccesso di un determinato organo oppure a un suo deficit e di quale organo si tratta.

Manteniamo il nostro Qi in armonia

Il tutto ruota intorno a un unico concetto, il Qi. È importante che l’energia vitale fluisca liberamente nei canali energetici, affinché i nostri organi, il nostro corpo e la nostra mente possano attingere nuova forza e mantenersi in salute. Imparare a gestire il Qi è, dunque, il primo passo per conservare il nostro organismo in perfetto equilibrio.

In autunno, i polmoni e la pelle sono certamente tra gli organi più bersagliati da una possibile perdita di controllo, ed è di fondamentale importanza correre subito ai ripari con rimedi naturali appropriati.

Infatti, i problemi ai polmoni o ai bronchi, se non adeguatamente risolti, si riflettono sulla pelle (l’organo di contatto e di confine fra l’esterno e l’interno di noi stessi) e potranno dare origine a manifestazioni, quali eczemi, dermatiti, pruriti cutanei, ipercheratizzazione, ecc.

Autunno: i rimedi naturali che aiutano l’organismo e il Qi

Quali sono, dunque, i rimedi naturali più utili per la stagione autunnale?

  1. Protezione e idratazione della pelle. Un primo passo, ma importantissimo, è utilizzare un’ottima crema cosmetica a scelta tra quelle disponibili in commercio (le creme con acido ialuronico o con fattori di crescita derivati da cellule staminali adulte, vegetali o umane sono particolarmente efficaci in tal senso e offrono anche un effetto anti-age) o una crema fai da te, realizzata con pochi ma buoni prodotti naturali.
  2. Prevenire i malanni di stagione e liberare le vie respiratorie. A scopo preventivo ma anche curativo è molto utile bere una tisana calda di marrubioeucalipto e betulla. Il marrubio e l’eucalipto sono piante officinali dalle proprietà balsamiche, fluidificanti ed espettoranti. Ideali quindi se siamo in presenza di raffreddore e sinusiti, tosse grassa e secca, bronchiti. La betulla, invece, stimola il sistema linfatico e lo aiuta a drenare i liquidi ed eliminare le tossine. In caso di bronchiti asmatiche e in tutte le sindromi dispnoiche-asmatiformi è più indicato il viburno. Per liberare le prime vie respiratorie è un toccasana fare i fumenti con acqua calda, bicarbonato e OE di cipresso: sciogliere in acqua calda un cucchiaio da minestra di bicarbonato e 4/7 gocce di OE cipresso, inalare i vapori con respiri profondi.Autunno3
  3. Sostenere la circolazione sanguigna e combattere i geloniVite rossa MG o ES (macerato glicerico o estratto secco) e resveratrolo ES sono rimedi naturali utilissimi per sostenere la circolazione sanguigna e favorire il ritorno venoso. La posologia consigliata per la vite rossa è di 50 gocce di MG o ES da assumere 2-3 volte al giorno in poca acqua e, idealmente, per circa sei mesi, così da alternare ad altri prodotti similari. Nel caso in cui il rimedio sia in bustine, 2 bustine al giorno sciolte in molta acqua, dovrebbero essere sufficienti. Per il resveratrolo ES (potente antiossidante naturale) sono sufficienti 1-2 capsule al giorno oppure 1 bustina. Per chi vive nello stress e in città, un utilizzo continuativo di vite rossa e resveratrolo è altamente raccomandato. Vite rossa e resveratrolo sono, inoltre, utili a chi è predisposto ai geloni, che trarrà altresì beneficio dall’aggiunta di qualche goccia di OE di cipresso alla propria crema corpo (da solo o in abbinamento a vite rossa MG o ES), oppure all’acqua del pediluvio. Alternare acqua calda e acqua fredda quando si fa il pediluvio, aiuta a migliorare l’irrorazione sanguigna.Autunno4
  4. Sostenere la circolazione linfatica e detossinare. Tra i rimedi naturali, il castagno MG è ottimo per i problemi di stasi venosa, stasi linfatica, flebiti, emorroidi e fragilità capillare. A scopo preventivo è sufficiente assumere 110 gocce al giorno, a scopo terapeutico possiamo arrivare a 180 gocce nell’arco della giornata a cicli di 3-4 mesi. Particolarmente utile anche la betulla linfa, un drenante linfatico e detossinante che agisce senza sovraccaricare i reni e, in più, sostiene l’apparato scheletrico disinfiammandone le zone dolenti. Anche in questo caso effettuare cicli di 3-4 mesi. L’amamelide è, invece, un aiuto per il microcircolo oltre che in caso di disturbi, quali flebiti, varici, emorroidi e fragilità capillare. È consigliabile assumerla per un periodo più lungo (superiore ai 4 mesi), così da arrivare all’estate con le gambe leggere; il sorbo, utilizzato per un periodo di 3-4 mesi, ha un effetto molto simile al castagno ed è ottimo usato in combinazione al castagno in caso di emorroidi.

Autunno5Migliorare il Qi con l’alimentazione

Diversi sono gli alimenti che fanno al caso nostro e che possono davvero migliorare il nostro Qizuppe calde e legger
mente piccanti (peperoncino, zenzero, chiodi di garofano); porridge all’avena mangiato al mattino con o senza frutta disidratata; frutta secca (pinoli, mandorle, noci e nocciole, da assumere con moderazione dato che possono creare stipsi intestinale); ortaggi di stagione e tuberi, limitando il consumo di patate che, essendo solanacee, potrebbero dare origine a intolleranze alimentari. L’assunzione di patate è sconsigliata soprattutto in abbinamento a melanzane, peperoni e/o seitan.

Il consiglio del Naturopata

In autunno, con i primi freddi, è sempre opportuno fare attenzione agli sbalzi di temperatura climatica. La regola numero uno è coprirsi bene in modo da scongiurare i primi raffreddori. Purtroppo però, si sa, i raffreddori colpiscono anche chi si barda fino alla punta del capello. Quindi che fare?

Potreste seguire i miei consigli, ad esempio, apportando nutrimento al vostro corpo in maniera corretta e proteggendovi con le dritte che vi suggerisco attraverso i rimedi naturali e fitoterapici.

Non esitate, dunque, a rivolgermi domande, dubbi o chiarimenti se ne avete. Sono a vostra disposizione.

Buon autunno a tutti!

Prodotto consigliato RESISTANCE

Alessandra Piazza, Naturopata

Specializzata in Trattamenti olistici con uso di OE, Fitoterapia, Riflessologia plantare, Riflessologia Metamorfica e Integrata.

FONTE

Condividi questo post